Ciao, ti diamo il benvenuto su Think 1816! Oggi parleremo di un argomento importante per lavoratore e gestore delle risorse umane di un’azienda: il benessere mentale lavorativo. Quanto incide la propria mansione e il modo di svolgerla nella salute mentale dell’individuo? Scopriamolo nelle prossime righe!

 

Quanto sono correlati benessere sul lavoro e salute mentale?

I ritmi nel mondo attuale sono sempre frenetici. In questa frenesia, la mente umana viene sottoposta a stimoli sempre più frequenti. Stimoli positivi e negativi, ma sempre sollecitazioni. Ed essere sollecitati vuol dire essere più soggetti a sbalzi d’umore.

Uno dei fattori che incide maggiormente per quanto riguarda questo aspetto è il rapporto che l’individuo ha con il proprio lavoro: se percepito come stressante, la sua salute mentale può essere messa a dura prova. Al contrario, se si è felici a 360 gradi del proprio lavoro, la percezione globale della propria routine può risultare molto più felice.

 

Ansia e depressione: come gestire il proprio lavoro

Saper gestire la propria mansione anche in base a quelli che possono essere i nostri punti critici (o che comunque ci rendono più vulnerabili) può aiutarci a vivere in maniera più serena. Un esempio può essere la gestione del lavoro da parte di un individuo soggetto a stati d’ansia. Per questo tipo di persone, può essere utile stabilire all’interno del proprio lavoro scadenze brevi. Tante piccole mansioni, senza pensare a un enorme lavoro svolto in tempo ridotto che può innalzare lo stress.

 

Meno stress lavorativo per tutti

Oltre a queste casistiche specifiche, è in generale bene ricordare che la felicità lavorativa è sinonimo (o artefice importante) per il benessere mentale di qualunque individuo.

Avere abitudini rodate e sane sul luogo di lavoro diminuisce lo stress e migliora il senso di controllo di ogni persona. È importante tenerlo in considerazione sia da parte del lavoratore, ma anche da parte di chi gestisce risorse umane o aziende. Venire incontro al proprio dipendente in certi ambiti garantisce maggiore efficienza a tutta l’azienda.

 

Cos’è il benessere sul lavoro?

Il benessere sul lavoro è lo stato mentale e fisico dei lavoratori derivante da aspetti come carico di lavoro, l’autonomia, le relazioni con colleghi e superiori, l’ambiente e l’equilibrio con la vita privata (la possibilità di dedicarsi a interessi personali, a relazioni familiari e sociali e al riposo).

È compito dell’azienda far sì che questo aspetto sia il più qualitativo possibile tramite la creazione di un luogo di lavoro che lo promuova. Un luogo di lavoro con un clima positivo e di collaborazione fra dipendenti, sano e sicuro, con un’organizzazione efficiente e che dia la possibilità a chi vi lavora di crescere influirà in maniera positiva sulla produttività dell’intero ente. 

 

I benefici che porta un luogo di lavoro sano

Il benessere sul lavoro è un aspetto importante per tutti i componenti di una realtà. Il lavoratore, se sta bene nell’ambiente lavorativo, troverà in esso maggiore motivazione, aumentando creatività e produttività. L’azienda avrà come benefici una riduzione dell’assenteismo dei propri dipendenti e migliora la reputazione di tutto il marchio.

 

Per ulteriori informazioni

Sei interessato al discorso benessere mentale sul lavoro? Contattaci per saperne di più sul nostro servizio personal assessment!

Tagged with: , ,