Forse ne avrai sentito parlare o avrai letto da qualche parte questo strano inglesismo: newsjacking. Scopriamo insieme di cosa si tratta e come può essere utile alla tua azienda!

Iniziamo dal principio definendo la parola newsjacking: la sua traduzione è vicina a “satira”, cioè prendere un fatto di cronaca e inserirlo in una comunicazione in modo divertente. In poche parole: quando una news diventa un’opportunità di marketing. Da non confondersi con il memejacking, utile alle aziende più “divertenti” e ai brand con una grande dimestichezza social (i “meme” sono quelle vignette virali diffuse sui social network, vedi esempio qui sotto da “GE oil & gas” e la loro campagna “Hey Girl” che riprende delle illustrazioni molto diffuse fra i giovani).

OSM1816_newsjackingOSM1816 newsjacking

Nella pratica, il trucco risiede nell’adattare un evento definito (un episodio climatico, una data importante, un fatto di cronaca preciso,…) alle proprie esigenze marketing. Precursore nel newsjacking è Ryanair: da tempo la compagnia adotta campagne “non convenzionali” e spesso politicamente scorrette. Vediamo l’esempio di come Ryanair ha sfruttato abilmente un evento preciso (la sentenza sul processo Lodo Mondadori) utilizzando l’immagine di Berlusconi in modo satirico, ma efficace.

OSM1816_newsjacking

Oppure un altro esempio, forse il più famoso in Italia (grazie alla diffusione su Facebook e social), è stato creato da Ceres, in occasione delle elezioni politiche italiane.

OSM1816_newsjacking

Nel panorama italiano delle pre-elezioni, dove tutti i media parlavano di questo argomento, l’azienda produttrice di birra ha saputo ottenere un grande ritorno d’immagine puntando sul divertimento e la viralità dello slogan. “Prima si vota, poi si beve. Non come le altre volte”: in un Paese dove ci si concentrava più su chi NON votare, rispetto a chi premiare, gli utenti si sono pienamente identificati nel messaggio della campagna arrivando a condividerlo con gli amici in ogni modo possibile. Un successo strepitoso!

Ma attenzione! Il Newsjacking è un’arma a doppio taglio se si usa in modo non ragionato. Basti guardare il caso di Groupalia o degli altri brand che hanno deciso di fondare la propria campagna di newsjacking sul terremoto in Emilia.

think1816_newsjacking

Un evento così negativo, quali emozioni può scatenare negli utenti? Attenzione quindi a non cadere nell’errore di scherzare su fatti sì di cronaca, ma che stimolano sentimenti negativi. Groupalia, dopo un’indagine di quale fosse l’argomento più discusso al momento su Twitter, ha utilizzato l’hashtag #terremoto per promuovere i suoi viaggi. Risultato? Una caduta di stile bella e buona che ha portato rabbia e insulti da ogni dove, un’immensa perdita d’immagine.

Qual è il momento perfetto per lanciare una campagna newsjacking? Devi riuscire a cogliere l’attimo, fai partire la tua campagna quando l’attenzione dei potenziali clienti su questo determinato evento/fatto di cronaca sta per arrivare all’apice.

In conclusione: siamo in un’epoca dove il marketing cambia molto velocemente. Dobbiamo sempre cercare nuove sfide, nuovi stimoli per convincere i nostri clienti. Hai mai pensato al Newsjacking nella tua azienda? Cosa fai quando nella tua città c’è un evento importante? La nostra risposta è: sfruttalo al massimo! Coinvolgi emotivamente il tuo pubblico con una strategia marketing vincente, centrata sul newsjacking. Questa tecnica di marketing è molto valida in quanto lega la tua azienda alla realtà quotidiana dell’utente, com’è giusto che sia, allontanandosi dallo stile utopico della pubblicità degli scorsi decenni.

Ti senti pronto a partire, ma non sai bene quali azioni intraprendere? Vorresti dei consigli su come fare? Contattaci e racconta la tua realtà al team pLAYmARKETING, by OSM1816.

Tagged with: , , , , , , , , , ,